Una mozione unanime a favore della Fiera

«Non priviamo il Friuli dell’ente fieristico, l’amministrazione comunale con le categorie economiche e le organizzazioni sindacali elabori un piano di rilancio di Udine-Gorizia fiere, supporto fondamentale per l’economia della regione. Organizziamo un tavolo di confronto». Firmato i consiglieri comunali d’opposizione e di maggioranza. Quando si tratta di una buona causa la condivisione super partes è fondamentale. Un concetto, questo, che non è sfuggito al capogruppo di Progetto innovare, Federico Pirone, che da qualche settimana sta tessendo la tela del confronto. Domani sera, infatti, durante la seduta del Consiglio comunale, il consigliere d’opposizione dovrebbe incassare l’approvazione unanime della mozione.
Il condizione è d’obbligo anche se, l’altra sera, i capigruppo del centrodestra e del centrosinistra si sono già espressi a favore del documento. Ricordato che il Comune di Udine detiene il 22,87 per cento delle quote di Udine-Gorizia fiere, l’ente che a eccezione di un anno, dal 2014 non registra utili, la mozione invita a riflettere sulle conseguenze che potrebbe portare la scelta di mantenere un unico ente fiera, a Pordenone, in regione.
«Oggi più che mai – spiega Pirone – è fondamentale che i territori, soprattutto quelli tra loro limitrofi, lavorino in cooperazione anziché farsi la guerra, per rafforzare il proprio peso a livello economico e politico». Pirone mette in guardia sul declassamento del Friuli: «se – continua – il sistema politico ed economico pordenonese è veramente convinto di poter dialogare alla pari con Trieste scavalcando Udine e la sua provincia, il rischio reale è quello di amplificare la propria condizione di subalternità, non di rafforzarsi. I sovranismi non hanno mai avuto tanta fortuna e tra due prevale sempre quello più forte». In quest’ottica, sempre secondo il consigliere d’opposizione, è interesse anche di Pordenone che Udine Gorizia fiere goda di buona salute e sia competitiva. «Il Friuli – insiste –, deve fare la propria parte e salvare la Fiera. Va discusso un piano di rilancio condiviso con le categorie economiche e sindacali al tavolo con la Regione». E ancora: «Il Friuli deve mostrarsi unito per non rinunciare a una leva fondamentale per la propria economia».

udine-fiere