Solidarietà agli studenti che manifestano a Udine

Dopo la riuscita manifestazione studentesca che ha portato in centro a Udine quasi 1500 giovani, il movimento che chiede maggiori investimenti e attenzione nei confronti dell’istruzione, ha trovato l’appoggio del consiglio comunale di Udine con una mozione nata per volontà del consigliere Federico Pirone. In piazza, lo scorso 22 febbraio, come rappresentanti dell’amministrazione comunale c’erano l’assessore Paolo Pizzocaro e il consigliere di minoranza Federico Pirone. «Credo sia giusto che i ragazzi abbiano il loro spazio per dimostrare il loro dissenso nei confronti di una legge che non rispetta le loro aspettative – ha dichiarato Pizzocaro – perché in maniera pacifica e intelligente tutto si può chiedere».
L’appoggio si estende anche ad altre manifestazioni, in particolare a quelle per sensibilizzare le istituzioni rispetto ai cambiamenti climatici. Questo il testo della manifestazione di sentimenti dei consiglieri. “Considerato che alcuni studenti di Udine e della provincia, da diversi venerdì, scioperano in piazza Libertà per ricordare alle istituzioni l’urgenza di azioni drastiche per contrastare i pericoli del cambiamento climatico: questa marcia internazionale, che prende il nome di “Fridays for future”, è nata a partire da un’iniziativa della giovanissima svedese Greta Thunberg che, lo scorso 30 agosto, seduta fuori dal Parlamento svedese, ha dichiarato di voler scioperare ogni venerdì dalla scuola per protesta contro la mancanza di azioni efficaci da parte dei governi contro un’emergenza che mette a rischio la qualità della nostra vita e la nostra stessa sopravvivenza. Da allora, il movimento è cresciuto, ispirato da giovanissimi coetanei di Greta in tutto il mondo, anche a Udine. Prendiamo atto di come il cambiamento climatico sia una vera e propria emergenza e come questa pacifica protesta sia fondamentale nel ricordare a tutta la comunità udinese (Istituzioni, privati cittadini, imprese, etc) quanto sia urgente che l’opinione pubblica sia resa sensibile e cosciente di questa situazione e quanto imprescindibile sia un’azione diffusa e efficace di contrasto che, a diversi livelli, è importante operare.
Considerato come queste due proteste, pacifiche ma decise, nate dalla volontà di essere più preparati, più incisivi e protagonisti rispetto alle sfide contemporanee – continua la lettera dei consiglieri – rappresentano due esempi positivi nei quali gli studenti della città di Udine dimostrano di voler partecipare alla vita politica del nostro tempo con impegno e vivacità culturale, con entusiasmo e spirito costruttivo, determinati nel richiedere diritti per tutti con l’esempio del dovere, il consiglio comunale esprime solidarietà e vicinanza a questi studenti, apprezzandone l’impegno civile, sempre più prezioso in una società spesso stanca e carica di risentimento.

 

studenti