Il museo archeologico premiato dalla Camera di Commercio

Il bello è un diritto di tutti e renderlo realmente accessibile e fruibile da tutti, in autonomia, non è solo un dovere, ma una sfida positiva, creativa, progettuale e inclusiva, oltre che una concreta opportunità di sviluppo sociale, occupazionale ed economico. Una sfida che, per esempio, sta vincendo il Museo archeologico di Udine, l’unico in Italia leader di un progetto europeo, “Come-in!”, con 14 partner internazionali, che ha considerato ogni aspetto di inclusione e accessibilità nell’offerta museale. Proprio per questo, la Camera di Commercio ha voluto premiare il Museo udinese con una onorificenza nell’ambito del secondo appuntamento del Future Forum, che si è concentrato proprio sul tema dell’accessibilità a 360° del patrimonio culturale pubblico e su innovativi approcci architettonici, di design e progettuali applicati ai siti storici e turistici, in grado di tenere in considerazione le esigenze di tutti e di tutte le diverse disabilità, sia quelle cui più generalmente facciamo riferimento, sia quelle legate all’avanzare dell’età, sia alle disabilità temporanee, in cui ognuno può incorrere in momenti particolari della vita.
Condividiamo questo premio con tutti quelli che hanno contribuito al progetto, veramente partecipato, l’inizio di un percorso che vorremmo riuscisse a incidere sempre più, per cambiare profondamente la concezione da parte di tutti della fruizione dei bei culturali nella nostra città, città che crediamo possa diventare esempio anche per altri territori.

interreg