Decreto sicurezza: condivisibili le preoccupazioni dei sindaci

E’ condivisibile la presa di posizione del sindaco di Palermo Orlando e di altri sindaci in Italia sulle conseguenze del decreto Sicurezza per le comunità locali, compresa quella di Udine. La mancata copertura sanitaria, la dispersione scolastica, l’aumento dei senzatetto, il diffondersi delle economie illegali saranno pagate dalle comunità locali, ancora una volta lasciate sole ad affrontare i problemi dal Governo: questo decreto porterà ancora più illegalità e insicurezza, non si tratta di buonismo ma di buonsenso. Le nuove norme creano oggettive difficoltà che il sindaco Fontanini farebbe bene a riconoscere, anziché affrettarsi ad esprimere obbedienza al capo partito Salvini in nome di un’appartenenza che va contro gli interessi della città di Udine.