Assessori a tempo pieno? Promessa mancata del sindaco

Udine si aspettava di essere governata da una giunta con assessori a tempo pieno, il sindaco l’aveva dichiarato più volte in campagna elettorale, invece ora ci rendiamo conto che non è così. La cittadinanza lamenta la mancanza di una piena e dedicata interlocuzione politica». All’ex assessore alla Cultura e consigliere comunale di “Progetto Innovare”, Federico Pirone, non è sfuggito il fatto che alcuni assessori percepiscono l’indennità di funzione ridotta riconosciuta a chi svolge il doppio lavoro. Pirone vuole sapere se e quali sono «le motivazioni che non consentono di attuare quanto affermato in campagna elettorale». Pirone pone il quesito nella mozione indirizzata al Consiglio comunale che difficilmente sarà discussa nella prossima seduta dell’assemblea fissata per giovedì, alle 17.30.«Il sindaco, prima e dopo l’elezione, ha affermato che i componenti della sua giunta si sarebbero dedicati a tempo pieno alla città, con esclusione di doppi lavori». Pirone lo scrive nero su bianco nella mozione dove rileva anche che «tutti gli esponenti di giunta eletti consiglieri comunali mantengono il ruolo sia di assessori e di consiglieri comunali». Detto tutto ciò il rappresentante dell’opposizione ribadisce che «alcuni assessori riservano all’attività amministrativa solo ritagli del loro tempo, trascurando, di conseguenza, i servizi gestiti».
Pirone non fa nomi anche se è noto che l’assessore alla Salute e capogruppo di Forza Italia, Giovanni Barillari, non ha alcuna intenzione di sospendere l’attività di medico dell’ospedale Santa Maria della Misericordia. Non l’ha fatto neppure quando sedeva nella giunta Honsell. Barillari come i commercialisti Maurizio Franz e Francesca Laudicina, il dipendente regionale Fabrizio Cigolot che a breve dovrebbe andare in aspettativa, e l’imprenditore Paolo Pizzocaro percepiscono l’indennità di funzione ridotta pari a 2.021 euro mensili. Stando a questo dato si può dedurre che mantenendo il doppio lavoro l’attività garantita a palazzo D’Aronco non può essere a tempo pieno a meno che non venga garantita nelle ore serali. Il sindaco, in effetti, ha già avuto modo di chiarire che a prescindere dall’indennità di funzione i suoi fedelissimi gli hanno assicurato un impegno a tempo pieno. Nella squadra di Fontanini ci sono anche liberi professionisti come l’avvocato Silvana Olivotto alla quale è stata affidata la delega al Personale. Lei percepisce l’indennità di funzione intera pari a 3.031 mila euro. «Rilevo una grande incoerenza rispetto a quanto promesso in campagna elettorale», insiste Pirone rinviando ai cittadini le valutazione sul «danno di immagine. Il sindaco chiarisca se ha cambiato idea».

promesse elettorali